Make your own free website on Tripod.com

L'AERONAUTICA INGLESE RICONOSCE GLI UFO

Accadde a Londra il 2 febbraio 1996, quando i media internazionali ammisero che "era veramente un UFO l'oggetto triangolare illuminato come un albero di Natale", che il 5 gennaio 1995 rischiò di scontrarsi contro un aereo di linea britannico, in volo da Milano a Manchester". Secondo un'inchiesta durata un anno e condotta dalla Civil Aviation Authority, l'ente britannico che sovrintende all'aviazione civile, l'oggetto misterioso era un vero UFO; testimoni importanti i due piloti del Boeing 737, i quali hanno detto di non avere udito alcun rumore e di poter giurare che si trattava di un oggetto solido e non di una mongolfiera.

Sebbene gli esperti non escludessero l'ipotesi di un aliante o di un aereo ultraleggero, l'ammiraglio Lord Hill-Norton, appassionato ufologo, riusciva ad ottenere che la questione UFO, proprio dopo il caso Manchester ed analoghi avvistamenti in Belgio nel 1990, venga ridiscussa dal Parlamento Europeo. Presso la CEE, difatti, esiste una proposta di investigazione redatta dal fisico italiano Tullio Regge, in cui si auspica uno studio più serio dell'intiera questione. Sappiamo che la risoluzione Regge non ebbe più alcun seguito e che anzi il parlamentare socialista in seguito prese le distanze dall'ufologia (materia sulla quale era sempre stato peraltro scettico) e cominciò anche a scrivere per il Cicap, dando così un chiaro sgenale della propria posizione; ciò nonostante, il caso Manchester resta tra i cult della casistica inglese, riferito anche da Timothy Good nel suo "Beyond top secret", un best seller prefatto proprio da Hill-Norton.