Make your own free website on Tripod.com
LA BASE DEGLI UFO
e gli avvistamenti tenuti top secret

di Alfredo Lissoni - Il 7 luglio del 1995 un pescatore pavese si trovava nell'isolotto di Ramo dei Prati (Pavia) quando scorgeva, all'improvviso, ben diciassette elicotteri neri, sorvolare la zona. "Sembravano di tipo militare e non avevano alcun segno di riconoscimento", confid˛ il pescatore all'ufologo Maurizio Pezzolato, della sezione pavese del CUN. "Non avevano neanche le luci di posizione. Hanno sorvolato la zona e sono atterrati nelle risaie di Buccella, un luogo ove, dodici anni prima, c'era giÓ stato un evento UFO, l'atterraggio di un disco volante in un campo di lavanda. All'epoca l'UFO aveva lasciato una traccia circolare indelebile. In quel punto non era ricresciuto pi¨ nulla e alla fine il proprietario del terreno aveva coperto la bruciatura con una gittata di cemento, e vi aveva tagliato sopra una strada". A detta del testimone, questa volta i militari avevano bloccato tutte le uscite del paese ed avevano rastrellato le risaie, alla ricerca di qualcosa di non meglio identificato. Un UFO? Non lo sappiamo; certo Ŕ che, ci conferma Pezzolato, "quella mattina la corrente manc˛ per ben tre volte in tutta la zona. Inspiegabilmente, vi fu anche il black out delle telecomunicazioni: i telefonini cellulari rimasero isolati, e questo Ŕ curioso, in quanto essi si alimentano autonomamente. Quanto agli elicotteri scuri, privi di segni di riconoscimento, sappiamo che nella letteratura ufologica sono citati spesso. Vi Ŕ chi sostiene siano una sorta di velivoli speciali di particolari team militari intercetta UFO. Non sappiamo se sia cosý, dato che gli elicotteri USA sono solitamente dipinti in nero e volutamente privi di segni di identificazione, ma una cosa Ŕ certa: lo spazio aereo pavese Ŕ controllato dalla base NATO di Remond˛".

La base di Remond˛ rappresenta un vero mistero. Ufficialmente Ŕ una base dismessa dagli anni Cinquanta. Questo Ŕ quanto Ŕ stato ordinato di lasciar credere. In realtÓ gli abitanti della zona sanno benissimo che Remond˛, dotata di una postazione radar molto sofisticata, Ŕ ben attiva ed equipaggiata. Si dice che il suo sottosuolo sia percorso da gallerie che arrivano sino al Paese.
"Vediamo spesso i militari americani ristorarsi nei bar circostanti", racconta Pezzolato, "ma quel che Ŕ pi¨ interessante Ŕ che in diverse occasioni, ogni qual volta un UFO ha sorvolato la zona, gli "elicotteri fantasma" di Remond˛ si sono lanciati all'inseguimento. E tutte le volte che la stampa locale ha chiesto poi spiegazioni al centro radar, la risposta, monotona, Ŕ stata sempre la stessa: non abbiamo mai rilevato niente".

Eppure giÓ nel 1993 ci fu una bella ondata UFO, con tanto di incontro ravvicinato con un umanoide a Lirio e con una serie di filmati realizzati dal signor Gino Geminian, in periodi differenti, a strani oggetti (un filmato, che ritraeva un nitidissimo UFO "alla Meier" in pieno giorno venne fatto sparire, presumibilmente da un ufologo). All'epoca di Lirio furono i carabinieri a scendere in pista, come giÓ dieci anni prima, quando un UFO era atterrato in una vigna a Varzi. Ho visto i tralci di vite "saponificati", a seguito dell'impatto UFO ed ho parlato con un militare che ha ricordato di come "fossero stati mandati tutti lý, con i mitra spianati". Pure, ufficialmente la forza pubblica non vuole parlare. Ma gli UFO pavesi hanno coinvolto anche la Pubblica Sicurezza.
╔ successo anche il primo settembre 1996, quando l'assessore alla polizia urbana di Mortara, Cesare Sacchi, stava transitando in macchina, assieme ad altre tre persone, fra Vigevano e Tromello. "Ad un certo punto alzai gli occhi e vidi un oggetto in direzione di Mortara. Si trattava di una struttura composta da quattro luci a rombo. Rallentai la macchina sin quasi a fermarmi, abbassai il finestrino per sentire qualche rumore, ma niente, c'era il silenzio pi¨ assoluto. L'oggetto era enorme ed era sopra Remond˛. Si muoveva molto lentamente. Proseguimmo per la nostra strada ed arrivammo a Tromello. Mentre percorrevo la circonvallazione, mi accorsi che da Garlasco stavano arrivando due elicotteri a doppia elica, diretti verso l'oggetto. Qualche giorno dopo la notizia uscý sui giornali. Personalmente, telefonai al centro radar di Remond˛, visto che le luci si erano spostate proprio in quella direzione, ma il capitano della base mi disse di non avere rilevato alcuna anomalia o traccia. Col senno di poi, non so proprio cosa mi aspettavo rispondessero, che ci aveva sorvolati un UFO? E questo Ŕ tutto".

In realtÓ non era tutto, poichÚ Pezzolato, catalogando statisticamente la casistica locale degli ultimi quindici anni, aveva notato un improvviso aumento delle segnalazioni nello spazio aereo compreso fra il Ticino pavese e quello novarese. Lungo questo confine naturale le segnalazioni UFO sembravano concentrarsi in percentuali decisamente elevate.




Vai alla pagina seguente